Peliculas para no dormir: La habitación del niño

Con questo siamo arrivati al penultimo episodio di Peliculas para no dormir. Cuento de Navidad ha sicuramente alzato l’asticella dell’attenzione per quanto riguarda la serie, riuscendo a intrattenere e a divertire lo spettatore mettendo in scena un storia molto cattiva con portagonisti dei ragazzini. Adesso bisogna vedere se con questo film riusciranno a tenere alta l’attenzione del pubblico.
Ecco a voi La habitación del niño (La stanza del bambino), pellicola scritta e diretta da Álex de la Iglesia.

Trama:
Mentre giocano a nascondino, un bambino entra in una grande casa abbandonata. Cercando un nascondiglio, vede una pozza d’acqua per terra, si ferma a osservarla e viene preso da un essere che assomiglia a lui e trascinato dentro la pozza. Vediamo poi un bambino simile a lui uscire dalla casa uguale a quello che giocava a nascondino ma completamente bagnato. Passano molti anni e Juan (Javier Gutiérrez) e Sonia (Leonor Watling), una coppia con un bambino, stanno ristrutturando la casa e si sono trasferiti lì. In quella casa però succedono delle strane cose e i due decidono di comprare un baby monitor per controllare meglio il loro figlio neonato. Una notte Juan guarda nel monitor e vede un uomo accanto a suo figlio. Vanna a controllare ma non trovano nessuno, ma questi eventi si ripeteranno, portando Juan sull’orlo della follia.

Álex de la Iglesia è un regista spagnolo di grande talento che ha sfornato pellicole interessanti ma che io ricordo con grande affetto per il film La ballata dell’odio e dell’amore, un film molto particolare e fuori dagli schemi che vi consiglio di recuperare. Comunque anche lui, come Paco Plaza, è un regista che ha dato grande prova delle proprie abilità e posso dire con tranquillità che ci riesce anche in questa pellicola.

Adoro parecchio l’ambientazione scelta per il film. Questa casa sembra in tutto e per tutto un luogo gotico e qui riesce a creare l’atmosfera perfetta per mettere in scena l’ignoto e il mistero. Ovviamente non basta solo un’ottima ambientazione per creare la giusta atmosfera, serve anche un bravo regista capace di fare una messa in scena adatta, cosa in cui Iglesia riesce. Il regista cerca di mettere molta cura in quello che dirige e riesce a fare un lavoro davvero ottimo quando Juan vede attraverso il monitor cose e persone che non dovrebbero esserci. Qui Iglesia riesce a farci vedere sia la situazione presente nel luogo dov’è Juan sia quello che invece succede nel monitor. Un lavoro molto più complesso di quello che sembra e riesce a creare una sorta di smarrimento.

I personaggi sono gestiti molto bene e sembrano in tutto e per tutto persone comuni che si ritrovano davanti a qualcosa di assurdo. Arrivati a un certo punto Juan si farà ossessionare sempre di più da questa storia e solo lui vedrà questi eventi strani, estraniando la mogie da tutto quando. Il protagonista scenderà sempre di pù nella follia, non capirà che cosa sta succedendo intorno a lui e per questo diventerà sempre più irrascibile e furioso. E Sonia inzierà ad aver paura di lui sempre di più.

Il film riesce a spaventare in vari punti e utilizza in maniera intelligente i jumpscares. ma riesce anche a far ridere graie a certi personaggi molto particolari e bizarri. Inoltre riesce a incuriosire lo spettatore perché quel che succede nella casa è veramente folle e, se prima si poteva pensare a una storia di fantasmi, dovremo ricrederci subito. Infatti ciò che si nasconde dietro è molto più particolare e originale. Vorrei anche precisare che la colonna sonora del film è praticamente l’intro di Peliculas para no dormir (intro che tra l’altro adoro).

Per concludere La habitación del niño è uno dei migliori episodi di questa serie, riesce a incuriosire lo spettatore sul segreto che nasconde la casa e riesce a creare dei momenti capaci di spaventarlo.

Spero che la recensione vi sia piaciuta.
Alla prossima!

[The Butcher]

2 pensieri riguardo “Peliculas para no dormir: La habitación del niño

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...